Posted in Conferenze Eventi Eventi Eventi

Conferenze sull’Antartide

Conferenze sull’Antartide Posted on 26 Luglio 2017

Lucia Simion (c) Cortesia Istituto Gonzaga, Milano (Settimana flessibile)

Antartide, le Nazioni Unite della Terra: il grande continente di ghiaccio, di neve e di vento situato all’estremità meridionale del nostro pianeta, circondato dall’oceano australe dove imperversano i Quaranta ruggenti e i Cinquanta urlanti. Una straordinaria riserva naturale vasta una volta e mezzo gli Stati Uniti, dedicata alla Pace e alla Scienza, un continente che non appartiene a nessun paese. Non occorre passaporto per sbarcare in Antartide. Ha scritto il grande esploratore americano Richard E. Byrd: «Sono convinto che l’Antartide, nel suo simbolico abito immacolato continuerà a splendere a lungo come una terra di pace, dove le nazioni che vi si recano in nome della Scienza danno un esempio di collaborazione interazionale» (I am hopeful that Antarctica in its symbolic robe of white will shine forth as a continent of peace as nations working together there in the cause of science set an example of international cooperation). Quindi: le vere Nazioni Unite della Terra sono laggiù, sul continente bianco dove si trova il polo sud. Il 28 ottobre 2016 è stata annunciata la creazione della Riserva marina del Mare di Ross in Antartide, la più grande al mondo (una volta e mezza l’Europa): la comunità internazionale ha preso coscienza della necessità di proteggere anche gli ecosistemi marini antartici.

Conferenza sull’Antartide alla Fondazione Golinelli, Bologna, novembre 2018 (c) Cortesia Pia De Paola

CONFERENZE: PERCHE’ L’ANTARTIDE?

1) Il continente è interamente dedicato «alla Pace e alla Scienza» (Protocollo di Madrid): è una riserva naturale che non appartiene ad alcun paese, è patrimonio dell’Umanità. Ricercatori e tecnici logistici di molti paesi collaborano pacificamente in Antartide: 4.000 durante l’estate australe, 1.000 d’inverno.

2) L’Antartide è il più grande laboratorio scientifico a cielo aperto della Terra. Il continente è interamente protetto. Dal 2016 anche il Mare di Ross è una riserva marina protetta.

3) Non occorre il passaporto per sbarcare in Antartide.

4) Il suo «Governo» è costituito dai rappresentanti dei paesi aderenti al Trattato Antartico (TA), un trattato di pace firmato nel 1959 ed entrato in vigore nel 1961: si applica nell’area inclusa fra il polo sud geografico e il 60° parallelo sud. Nel 2009 a Baltimore è stato rinnovato per altri 50 anni. I paesi aderenti al TA sono oggi una cinquantina: gli Stati Uniti sono fra i primi 12 paesi firmatari. Il Trattato Antartico ha posto i fondamenti per l’utilizzazione e la gestione pacifica e durevole del continente. Nel corso degli anni è stato integrato da:  Convenzione sulla conservazione delle foche antartiche (CCAS, firmata nel 1972, entrata in vigore nel 1978); Convenzione per la conservazione delle risorse marine viventi dell’Antartide (CCAMLR, firmata nel 1980, entrata in vigore nel 1982); Protocollo sulla protezione dell’ambiente antartico (noto come Protocollo di Madrid, firmato nel 1991, entrato in vigore nel 1998. L’articolo 7 vieta lo sfruttamento minerario). Si parla ora di Sistema del Trattato Antartico. Nel 1988 era stata predisposta anche una Convenzione per la regolamentazione dell’attività mineraria in Antartide (CRAMRA, Convention on the Regulation of Antarctic Mineral Resources Activities): non è mai entrata in vigore ed è stata rimpiazzata da un singolo articolo del Protocollo di Madrid.

5) Non ci sono mai state guerre in Antartide: anche durante la Guerra Fredda, americani e sovietici collaboravano pacificamente sul continente bianco.

6) L’Antartide svolge un ruolo di capitale importanza nella regolazione del clima planetario; è il principale «sistema di raffreddamento» della Terra.

7) E’ l’ultimo grande continente in parte inesplorato della Terra: sotto le calotte di ghiaccio si celano 400 diversi laghi di acqua dolce (liquida), catene di monti, vulcani, golfi, canyons più vasti del Grand Canyon…e nessuno li ha mai visti con i propri occhi perché sono sepolti sotto 3-4 km di ghiaccio…….

8) L’Antartide è fonte di ispirazione e di meraviglia per adulti, ragazzi e bambini: un viaggio in Antartide è una delle ultime grandi avventure possibili sulla Terra, con l’esplorazione degli abissi oceanici. E l’esplorazione spaziale.

9) Le avventure e i racconti degli esploratori antartici, soprattutto quelli della cosiddetta «età eroica dell’esplorazione polare» (1900-1914) continuano a far sognare e ad appassionare il pubblico in ogni parte del mondo. Oggi ci sono i racconti degli esploratori dell’era moderna: i ricercatori e i tecnici logistici.

Seminario sull’Antartide tenutosi nell’ottobre 2017 alla facoltà di medicina e Chirurgia di Humanitas University. L’introduzione sull’Antartide è stata seguita da una visioconferenza via skype con la stazione italo-francese Concordia. (c) Lucia Simion
26 novembre 2018: videocollegamento con la stazione scientifica italiana Mario Zucchelli (MZS). Foto: Lucia Simion

ANTARTIDE: Scoperto circa 200 anni fa (intorno al 1820) l’Antartide è il più misterioso e affascinante dei continenti della Terra. Non lascia nessuno indifferente. Grande una volta e mezza l’Europa (46 volte l’Italia) è coperto al 98% di ghiaccio; la corazza gelata ha uno spessore medio di 2,2 km e massimo di 4,6 km. Sotto alla stazione scientifica italo-francese Concordia lo spessore del ghiaccio è di 3,2 km. Undici tour Eiffel messe una sopra l’altra! In Antartide è come se il tempo si fosse fermato all’ultima grande glaciazione, ventimila anni fa.

Fino agli anni Cinquanta lo spessore delle calotte non era noto. Non si sapeva cosa celassero. Poi, durante il terzo Anno Polare Internazionale (1957-58) ricercatori e tecnici a bordo di convogli motorizzati esplorarono vaste zone del continente effettuando misure sismiche e gravimetriche. Negli anni 1969-1975 un’equipe di ricercatori americani, inglesi e danesi sorvolo’ il 60% del continente a bordo di Hercules C-130 della US Navy per effettuare sondaggi radar nel ghiaccio e determinare lo spessore delle calotte. Con questa tecnica di indagine – che sfrutta la penetrazione delle onde elettromagnetiche nel ghiaccio – i ricercatori hanno iniziato a svelare la geologia subglaciale, misurato lo spessore delle calotte e scoperto che il continente è situato sotto il livello del mare a causa dell’immenso peso del ghiaccio sovrastante (circa 30 milioni di km3, la più grande riserva d’acqua dolce del pianeta). 

Negli ultimi trent’anni, grazie anche alle osservazioni satellitari e a strumenti trasportati su aerei sono stati scoperti 400 laghi subglaciali di acqua dolce e liquida. Il più grande si chiama Vostok, misura 250 km di lunghezza e 50 km di larghezza, profondità compresa fra 400 e e 1.000 m. La sua superficie è 34 volte quella del lago di Garda. La presenza di acqua sotto il ghiaccio era stata intuita negli anni Cinquanta dal ricercatore sovietico Andrej Kapitsa, ma la conferma dell’esistenza del lago Vostok è giunta solo nel 1993 grazie a misure effettuate dal satellite europeo ERS-1 con laser-altimetria. Nessuno pero’ ha mai visto il lago Vostok con i propri occhi perché è sepolto sotto 4 km di ghiaccio. Molti altri misteri sono celati sotto le calotte: i monti Gamburtsev (una catena grande come le nostre Alpi), oltre cento vulcani, valli, golfi, fiumi, canyons.

Conferenza sulla stazione scientifica italo-francese Concordia, al Liceo francese Stendhal, Milano (propedeutica al video-collegamento con l’equipe della base).

L’Antartide non appartiene a nessuno. Le rivendicazioni territoriali, l’installazione di basi militari, il test di armi e la ricerca mineraria sono proibite. Il continente deve restare una terra di Pace e di Scienza. L’articolo 1 del Trattato Antartico (TA) difatti stabilisce che: «L’Antartide deve essere utilizzata solo per scopi pacifici». Dal 1959 ad oggi il Trattato Antartico originale (firmato a Washington da 12 paesi, oggi sono 53) si è arricchito di 3 convenzioni e di un Protocollo per la protezione ambientale, il Protocollo di Madrid. Si parla quindi di Sistema del Trattato Antartico (ATS).

ATCM a Edimburgo. (c) Lucia Simion

Ogni anno i paesi aderenti si riuniscono in una località diversa per partecipare a un congresso di circa 2 settimane definito con l’acronimo ATCM (Antarctic Treaty Consultative Meeting), durante il quale vengono discussi innumerevoli argomenti inerenti la gestione del continente, incluso il turismo (40.000 turisti/anno). L’ATCM 2017 si è tenuta a Pechino in Cina, una delle grandi potenze presenti in Antartide con 3 stazioni scientifiche (è prevista una quarta). Nel 2018 dovrebbe riunirsi nella Repubblica Ceca. Ogni estate australe circa 4.000 ricercatori e tecnici di vari paesi si recano a lavorare in Antartide.

Lo screenshot di pagina web del Liceo francese Stendhal di Milano, con la notizia della videconferenza effettuata con la base Dumont d’Urville (sistema Polycom).

                              CONFERENZE SULL’ANTARTIDE (TEMI PROPOSTI)

  1. ANTARTIDE, il settimo continente, le Nazioni Unite della Terra ; introduzione al continente (durata : 50 ‘)
  2. GLI EROI DELL’ANTARTIDE: esploratori straordinari da James Clark Ross, a Charles Wilkes a Jules S. Dumont d’Urville, dal Comandante JB Charcot a Douglas Mawson, la corsa alla conquista del polo sud geografico fra Amundsen e Scott; Douglas Mawson, la spedizione di Ernest Shackleton, …(durata : 50’)
  3. LA SCIENZA IN ANTARTIDE: Un secolo di ricerche scientifiche e una straordinaria messe di scoperte (dinosauri, paleoclima, monti e laghi sommersi sotto il ghiaccio, vulcani, telescopi, detettori di neutrini, scoperta di nuove colonie di pinguini imperatore su foto satellitari,…eccc) – durata : 50’
  4. GEOPOLITICA E ECONOMIA DELL’ANTARTIDE (incluso il Sistema del Trattato Antartico).
  5. LE SPEDIZIONI SCIENTIFICHE DI RICHARD E. BYRD (1888-1957): il volo sopra al Polo Sud geografico nel 1929, la base Little America, la sua seconda spedizione e il soggiorno solitario alla base Bolling (1934), Operation Highjump (1946-47), Operation Deepfreeze (1956-57). Durata : 50’ GEOPOLITICA dell’Antartide: il Sistema del Trattato Antartico che regola le relazioni internazionali sulla terra e le piattaforme di ghiaccio a sud del 60° parallelo. Durata : 50’
  6. LE DONNE IN ANTARTIDE 
  7. LE TERRE AUSTRALI E ANTARTICHE FRANCESI (TAAF, fondate nel 1955): la Terre Adélie, Crozet, Kerguelen, Saint-Paul, Amsterdam e le isole Eparses nel Canale del Mozambico e ad est di Madagascar. Lucia Simion è stata membro del Consiglio Consultativo delle TAAF dal 2009 al 2017. Durata : 50’ Ogni conferenza è una presentazione power point multimediale della durata di 45-50 minuti con fotografie, video e infografiche. 20 minuti sono poi dedicati alle domande del pubblico. 
    Conferenza sull’Antartide alla Biblioteca-mediateca della Cité des Sciences et de l’Industrie della Villette (Parigi).

    In Antartide sono presenti ricercatori di tutti i campi della scienza: dalla microbiologia all’astrofisica. L’Italia è molto forte nel domini della glaciologia, climatologia e paleo-climatologia, geologia, vulcanologia, ricerca di meteoriti e micrometeoriti, biologia, oceanografia….

    ASTROFISICA: l’osservatorio ICECUBE, il iù grande detettore di neutrini al mondo (volume: un chilometro cubo). E’ interamente sepolto nello spessore della calotta di ghiaccio dove si trova il polo sud geografico e la base americana Amundsen-Scott (spessore: 2800 m). E’ un progetto internazionale da 300 milioni di dollari. Il Progetto Icecube (il cui QG si trova all’Università del Wisconsin a Madison), organizza per gli studenti dell’ultimo anno di liceo delle MASTERCLASS ICECUBE nei centri di ricerca affiliati al Progetto Icecube in EUROPA e USA. 

    NASA: i palloni stratosferici che la NASA lancia dalla piattaforma di Ross a 380 km dalla nostra base italiana M. Zucchelli: salgono nella stratosfera trasportando strumenti e fanno diverse volte il giro dell’Antartide sfruttando il vortice polare che gira in senso anti-orario.

    GEOLOGIA: studio dei vulcani antartici, fra i quali il Monte Melbourne, uno statovulcano attivo – fumarole – a 80 km dalla base italiana M. Zucchelli; oppure il monte Erebus presso McMurdo e molti altri vulcani. 

    RICERCA DI METEORITI ANTARTICHE: l’Italia è la terza nazione più attiva nella ricerca delle meteoriti antartiche (dopo USA e Giapone). Attiva anche nella ricerca di micrometeoriti.

    PALEONTOLOGIA: scoperte di dinosauri antartici (es. Cryolophosaurus ellioti) e di altri fossili di fauna e flora.

    STUDIO DEI LAGHI SUBGLACIALI: oltre 400 laghi di acqua dolce liquida situati sottoghiaccio. Grande capitolo appassionante. Scienza e tecnologia.

    GLACIOLOGIA, CLIMATOLOGIA E PALEOCLIMATOLOGIA: un altro grande capitolo appassionante. L’Italia è stata un membro fondamentale del progetto EPICA (European Project for Ice Coring in Antarctica), che nel 2004 presso la base CONCORDIA ha estratto il ghiaccio «più antico» della Terra; 3,2 km di carote di ghiaccio estratte nell’arco di vari anni racchiudono l’archivio climatico degli ultimi otto cicli glaciale-interglaciale.

    BIOLOGIA, BIOLOGIA MARINA, ZOOLOGIA: un capitolo vastissimo che comprende lo studio di microrganismi che hanno evoluto particolari stategie per vivere in Antartide (es. la mosca Belgica antartica, un gioiello dell’evoluzione); i pesci antartici, uno straordinario esempio di radiazione evolutiva (sono dotati di proteine antigelo e alcuni sono privi di emoglobina); i pinguini, le foche, i cetacei, ecc. Studi molto approfonditi sui pinguini di Adelia e sui pinguin imperatore.

    Il libro di Lucia Simion sull’Antartide pubblicato nel 2007 (Giunti Editore) è sempre molto apprezzato dai bambini e anche dagli studenti delle medie (c) DR

    ARCHEOLOGIA e conservazione dei rifugi antartici: gli esploratori della cosiddetta» Età eroica dell’esplorazione polare» hanno vissuto in rifugi rimasti intatti per più di cent’anni. Al giorno d’oggi, «archeologi antartici» specializzati compiono ricerche e scavi dentro e presso i rifugi e portano alla luce oggetti sepolti nelle neve per decenni, che contribuiscono a completare i capitoli dell’esplorazione polare.