Posted in Antartide Artico Eventi Home Isole subantartiche Personaggi

Newsletter dell’IPEV: intervista a J. Chappellaz

Newsletter dell’IPEV: intervista a J. Chappellaz Posted on 12 Maggio 2018

Con il mese di maggio e l’arrivo del nuovo direttore (Jérôme Chappellaz) la newsletter dell’IPEV si presenta sotto una veste rinnovata, più giornalistica e con un sacco di informazioni. La redazione è composta da Aude Sonneville (Direttore) con Clarisse Oliviero e di Lucie Maignan (realizzazione). Per scaricare una copia cliccare QUI.

In prima pagina (vedi sopra) un’intervista a Jérôme Chappellaz53 anni, glaciologo, climatologo e paleo-climatologo, ricercatore del CNRS. Laureato in Geochimica e Geofisica all’Università Joseph Fourier di Grenoble – autore di 169 pubblicazioni scientifiche  Chappellaz è un esperto dei processi fisico-chimici dell’atmosfera e del sistema climatico, di paleoclimi, di geochimica isotopica, di evoluzione temporale dei gas serra: negli ultimi trent’anni ha partecipato a missioni scientifiche in Antartide (perforazione in ghiaccio TALDICE a Talos Dome, traversa Concordia-Vostok, progetto Beyond EPICA-Oldest Ice) e nell’Artico (NEEM) e ha collaborato alla realizzazione della sonda Subglacior, uno strumento innovativo per l’analisi del ghiaccio delle calotte. QUI una conferenza di Jérôme Chappellaz sul Subglacior (durata: un’ora). QUI un comunicato dell’Agence Nationale del a recherche (ANR).

Dal 2003 al 2008 è stato vice-direttore del Laboratoire de Glaciologie et de Géophysique de l’Environnement (LGGE, diventato IGE, Institut de Géosciences de l’Environnement dal primo gennaio 2017), uno dei più prestigiosi laboratori di glaciologia al mondo. Dal 2012 è responsabile scientifico per la glaciologia del progetto Equipex CLIMCORE’ coordinatore del progetto IceMemory.

La newsletter dell’IPEV presenta anche il nuovo vicedirettore dell’IPEV (nonché direttore del dipartimento scientifico), Christine David-Beausire, astronoma di formazione.

Sempre grazie alla newsletter apprendiamo che il 20 aprile – alla sede dell’IPEV a Plouzané (presso Brest), il Prefetto delle TAAF Signora Cécile Pozzo di Borgo ha presentato a Patrice Godon le insegne di Chevalier de la Légion d’Honneur. Laureato in Ingegneria meccanica, Godon è stato per 37 anni Responsabile della logistica dell’IPEV in Antartide. Nel 1979-1981 ha effettuato un winter-over a Dumont d’Urville (15 mesi), nel 1993 ha creato le traverse Cap Prud’homme-Dome C partecipando personalmente a 40 di questi “raid” (sui 62 effettuati finora). Il “raid” ha trasportato tutto il materiale per la costruzione della base italo-francese Concordia, il carburante e i viveri indispensabili al funzionamento del piccolo avamposto di Dome C durante l’assemblaggio di Concordia (inaugurata nel 2005) e lo svolgimento del progetto internazionale di perforazione in ghiaccio EPICA DC, concluso nel 2004. In totale il tempo trascorso in Antartide da Patrice Godon (dagli anni 80 al 2018) equivale a 15 anni! Anche nella stagione 2017-2018 – per le prime rotazioni del nuovo Astrolabe P800 fra Hobart e Dumont d’Urville – Godon era sul campo. QUI IL SUO SITO WEB: Patrice Godon Polar Engineeering.

QUI il post su www.newsdaipoli.it su Patrice Godon quando fu insignito della Medaglia del COMNAP (2017).

Sul sito dell’IPEV sono pubblicate le fotografie della visita di Ségolène Royal (24 aprile): l’Ambasciatrice dell’Artico e dell’Antartide è stata ricevuta dal Direttore Jérôme Chappellaz e dal vice-direttore Christine David-Beausire.